Barbecue a linlingua 1210x423 - Perché imparare il francese a inlingua La Rochelle

Perché imparare il francese a inlingua La Rochelle

Siamo lieti di presentare il nostro centro di apprendimento del francese nella bellissima città di La Rochelle

Conosci la città di La Rochelle in Francia?

La Rochelle, piccola cittadina di 80 abitanti, situata sulla costa atlantica, non manca di attrattive. Una grande città storica per alcuni, un paradiso per la nautica per altri, La Rochelle è allo stesso tempo. La perla d'Occidente nella Charente Maritime!

Alcuni sono fan di Fort Boyard, questa ex prigione sperduta in mezzo all'oceano, resa celebre, in particolare, dall'omonimo spettacolo di giochi. Altri conservano soprattutto il romano d 'Alexandre Dumas che dà inizio all'avventura dei 4 moschettieri a La Rochelle.

Sapevi, inoltre, che La Rochelle è stata la sesta città più visitata dai turisti francesi quando soggiornano in Francia?

O che La Rochelle fosse la seconda città per qualità della vita. Non mancano i superlativi. Vieni anche a visitare il più grande porto turistico d'Europa nel distretto di Minimes dove si trova la scuola inlingua.

il porto turistico più grande d'Europa

Sempre più sorprendente, La Rochelle è un città pioniera dell'ecologia, la prima città in Francia per il ciclismo, dove da più di 20 anni possiamo anche noleggiare auto elettriche.

Un soggiorno a La Rochelle non può essere immaginato senza esplorare le isole circostanti. Re isola, magnifica tutto l'anno, vi si accede da un elegante ponte, in auto o in autobus di linea. Per non parlare dei surfisti locali che si incontrano lì tutto l'anno.

Il porto di La Rochelle

Un po 'più a sud, non perdetevi il tipico villaggio di Marennes, capitale della produzione di ostriche, dove ancora servono alcuni ristoranti l'eclama, una ricetta unica al mondo per preparare le cozze. Pochi passi poi raggiungi l'Ile d'Oléron, l'isola più grande della Francia dopo la Corsica. Raggiungibile solo in barca, non perdetevi l'Ile d'Aix, famosissima per le sue spiagge.

Ile d'Oléron, l'isola più grande della Francia dopo la Corsica

Probabilmente ti piace la gastronomia, quindi unisciti a uno dei tourinlingua offre in una distilleria vicino a La Rochelle dove si scopre la produzione di Cognac ma anche Pineau des Charentes, una specialità essenziale della nostra regione.
inlingua La Rochelle ti aiuterà davvero a scoprire l'intera regione. Prima di tutto durante un tour della città il primo giorno, ma anche durante le escursioni del sabato.
Non è importante trovare un ambiente favorevole alle vacanze in cui andare soggiorno linguistico? Con inlingua La Rochelle impara in pace il francese come lingua straniera.

inlingua La Rochelle offre un'ampia varietà di programmi per impara il francese

Prima di tutto alcune parole sul metodo di insegnamento inlingua, che offre un apprendimento in piccoli gruppi con un'enfasi sulla comunicazione orale. Va notato che questo metodo è stato utilizzato con successo da più di 50 anni nel nostro 300 centri in tutto il mondo.

I nostri corsi per adulti

Dai 16 anni, il nostro corso di francese generale è aperto tutto l'anno con nuovi gruppi ogni lunedì. Qualunque sia il tuo livello, puoi iniziare il programma nella data che preferisci per un periodo da 1 settimana a un anno. Tuttavia, se sei un principiante assoluto, dovrai scegliere una delle nostre date specifiche.

C'è una Programma di 15 ore, solo la mattina. Ma anche oltre 20 ore dove in questo caso si aggiungono 2 laboratori culturali. Scoprirai allo stesso tempo la storia della Francia, il cinema, la gastronomia o anche in modo divertente la letteratura, la poesia ...

Alcuni programmi intensivi sono in particolare approvati dal Bildungsurlaub

In altri, a programma per oltre 30 anni è organizzato da aprile a ottobre, riunisce un massimo di 6 persone, una buona occasione per progredire molto velocemente.
Per i professionisti che lo desiderano, possiamo offrire lezioni private oltre a prepararsi per un nuovo lavoro o perfezionare una presentazione.

bildungsurlaub logo 300x139 - Perché imparare il francese a inlingua La Rochelle

Se ti stai preparando per un esame, potrai quindi partecipare le nostre preparazioni DELF e DALF ma anche a TEF.

In date specifiche, offriamo 50+ corso che combinano il lavoro linguistico al mattino e la scoperta culturale della regione nel pomeriggio. Sempre accompagnato da un insegnante o da una guida, un'occasione in più per praticare il francese.

I nostri corsi a lungo termine

Studenti e giovani adulti che lo desiderano possono partecipare all'istruzione a lungo termine da 3 mesi a 12 mesi. Questi programmi sono accessibili a tutti i livelli: A1, A2, B1, B2 e anche ai principianti.

La scelta è data se seguire 15 ore o 20 ore settimanali. Una sessione di preparazione peringresso all'università viene aggiunto per coloro che prendono il modulo da 22,5 ore settimanali.

Sappiamo come guidare gli studenti che desiderano proseguire la loro istruzione superiore in Francia verso un'università o una grande scuola. Conosciamo bene le loro esigenze, motivo per cui possiamo occuparci anche dell'intero fascicolo amministrativo.

Bambini e ragazzi

In estate i nostri corsi sono aperti a bambini dai 8 anni. I gruppi molto piccoli così come l'uso del gioco aiutano i bambini a sentirsi sicuri e, inoltre, fanno loro amare l'apprendimento di una nuova lingua.

20190726 1213560 495x400 - Perché imparare il francese a inlingua La Rochelle

Dai 13 anni offriamo soggiorni con sistemazione in famiglia o in residenza. I giovani seguono, prima di tutto, Lezioni di francese ogni mattina e secondo scegli a attività pomeridiana. La multi-attività o anche la vela e il windsurf sono possibili con i giovani membri francesi del club partner.

inlingua La Rochelle è anche un supporto completo per il tuo soggiorno

Sia che tu stia cercando un file alloggio in famiglia ospitante o residenza, sia che tu abbia bisogno di una lettera di invito per il tuo visto in un secondo momento, o anche di organizzare il tuo viaggio e trasferimento, il servizio di reception inlingua sarà in grado di guidarti nella preparazione del tuo soggiorno.

Maggiori informazioni su https://www.inlingua-larochelle.com

Feste e tradizioni in Francia - Un anno in Francia: feste e tradizioni

Una rapida panoramica delle feste e delle tradizioni che punteggiano la vita in Francia nel corso dei mesi. Nella tua agenda!

I diversi tipi di festival celebrati in Francia

Come preambolo, facciamo il punto sui diversi tipi di festival celebrati in Francia. Riteniamo che ci siano tre tipi principali di feste: feste storiche, feste religiose e feste civili. Le feste storiche si riferiscono ad eventi che hanno segnato la storia della Francia. Le feste religiose, da parte loro, corrispondono alle date chiave della religione cattolica. Pertanto, queste feste corrispondono alle antiche e principali tradizioni e pratiche religiose francesi. Inoltre, anche se la Repubblica francese si basa sul principio della laicità, queste varie feste continuano ad essere celebrate oggi, per tradizione più che per convinzione religiosa. Infine, le feste civili consentono di celebrare date importanti nella vita civile e / o politica della Francia.

            Inoltre, tra tutte le festività francesi, alcune sono festività pubbliche: sono giorni in cui la stragrande maggioranza degli abitanti della Francia non lavora. Ci sono undici giorni festivi in ​​Francia. Qualcosa per rendere felici i francesi ... soprattutto quando questo giorno festivo è due giorni prima o dopo il fine settimana! Infatti, in questo caso specifico, è abbastanza comune rivendicare un periodo non lavorativo di quattro giorni consecutivi: il giorno festivo + un giorno di riposo aggiuntivo + i due giorni usuali del fine settimana. Questo è ciò che i francesi chiamano "fare il ponte". 

            Ora diamo un'occhiata più da vicino ai principali festival e tradizioni che punteggiano la vita francese ogni anno.

Feste e tradizioni francesi del primo trimestre (gennaio, febbraio, marzo)

Come sapete, l'inizio dell'anno è favorevole ai desideri, ai desideri per il futuro. È così che auguriamo a tutti coloro che ci circondano “un felice anno nuovo” o anche i nostri “auguri”. Se la tradizione era che inviamo graziosi biglietti per indirizzare i nostri bei pensieri per l'anno a venire, oggigiorno è consuetudine farlo tramite social network o messaggi elettronici, il che è spesso considerato deplorevole. per le persone attaccate alle tradizioni. Il 1 ° gennaio, o Capodanno, è un giorno festivo, per iniziare bene l'anno! È una festa civile. L'inizio dell'anno è anche segnato da quelli che vengono chiamati “buoni propositi”. È il momento per ogni francese di decidere sulle cattive abitudini da fermare, sui progetti futuri da realizzare, ecc. Ovviamente, il più delle volte, dimentichiamo velocemente i propositi presi nei primi giorni dell'anno, soprattutto quando si tratta di fare più sport o di limitare il consumo di cioccolato! Il 6 gennaio seguirà una festa religiosa, l'Epifania. La sua origine è nella religione cristiana e si riferisce ai tre Magi che vennero a portare doni a Gesù pochi giorni dopo la sua nascita. Oggi, questa festa è spesso chiamata "Festa dei Re". In questa occasione, i francesi di solito assaggiano una galette des rois, una torta dolce in cui è nascosto un fagiolo. La persona che scopre il fagiolo nella sua parte della torta diventa il re o la regina della festa! Siccome i francesi sono molto golosi, continuiamo il 2 febbraio con la festa della Candelora, anche religiosa. La tradizione vuole che si mangino deliziose frittelle dolci, per la gioia dei bambini (e spesso dei loro genitori!). Pochi giorni dopo, il 14 febbraio, sono gli innamorati a festeggiare in occasione della festa civile di San Valentino. Cena al ristorante, cioccolato, profumo, bouquet di rose rosse sono i regali tradizionalmente offerti in questa giornata. Ma molti francesi si rifiutano di celebrare questa festa, considerata troppo commerciale. Concludiamo il primo trimestre in bellezza con la celebrazione, il 20 marzo, della giornata della lingua francese e della francofonia! In questo giorno, molte scuole di lingua francese offrono ai loro studenti di partecipare a giochi, concorsi o laboratori culturali.

Feste e tradizioni francesi del secondo trimestre (aprile, maggio, giugno)

Il secondo trimestre del calendario civile è noto per essere il quarto preferito di molti francesi. Perché ? È molto semplice: questo è il trimestre con il maggior numero di giorni festivi. Il 1 ° aprile o il pesce d'aprile (che non è un giorno festivo) è una festa civile celebrata in molti paesi del mondo. È il giorno degli scherzi e delle barzellette, anche i giornalisti si divertono a diffondere false informazioni. Continuiamo con la Pasqua. Questa festa religiosa ha una particolarità interessante. È una cosiddetta festa mobile, vale a dire che non si celebra in una data fissa. In effetti, è necessario fare riferimento al calendario lunare. Pertanto, la domenica di Pasqua viene sempre celebrata la prima domenica dopo la luna piena che segue l'equinozio di primavera. Il lunedì di Pasqua è un giorno festivo. Nella religione cristiana, questa festa celebra la risurrezione di Cristo. Oggi è un momento trascorso con la famiglia, spesso attorno a un pranzo festivo dove tradizionalmente condividiamo un cosiddetto agnello pasquale. Inoltre i bambini si divertono a cercare uova di cioccolato, galline o coniglietti, nascosti in giardino dagli adulti della famiglia. Attenzione agli attacchi di fegato! Continuiamo con il Labor Day, ogni 1 maggio. In occasione di questa celebrazione civile e internazionale, i sindacati dei lavoratori francesi stanno organizzando una grande manifestazione per le strade della capitale. Quello stesso giorno, è consuetudine offrire alle persone che ami un rametto di mughetto, un fiore molto profumato che si dice porti fortuna. Pochi giorni dopo, l'8 maggio, si svolge una festa storica che segna la fine in Francia della Seconda Guerra Mondiale nel 1945. È un giorno festivo, un appuntamento nazionale di meditazione e molte cerimonie militari sono organizzate attraverso il paese davanti al monumento ai caduti. Poi arriva la festa dell'Ascensione, celebrata quaranta giorni dopo la Pasqua. È una festa mobile e religiosa. Per i cattolici, è il ricordo dell'ascesa di Gesù al cielo. Per la stragrande maggioranza dei francesi, giovani e meno giovani, è anche il momento di approfittare di quattro giorni di vacanza. In effetti, l'Ascensione cade sempre di giovedì ... il che rende possibile colmare il divario e non tornare a scuola o al lavoro fino al lunedì successivo! Continuiamo l'anno con la Pentecoste, che è anche una festa mobile di origine religiosa celebrata la settima domenica dopo Pasqua in memoria dello Spirito Santo disceso sugli apostoli di Gesù. Essendo il lunedì successivo un giorno festivo, la maggior parte dei francesi conserva solo da questa festività la possibilità di godersi un fine settimana di tre giorni. In primavera c'è anche la festa della mamma e la festa del papà.

Feste e tradizioni francesi del terzo trimestre (luglio, agosto, settembre)

La festa nazionale della Francia si celebra il 14 luglio. Questa festa, di origine storica, ricorda un grande evento della Rivoluzione francese: l'assalto alla Bastiglia. Al giorno d'oggi, i francesi possono ammirare magnifici fuochi d'artificio o persino ballare al ballo dei vigili del fuoco nella maggior parte dei comuni francesi. Inoltre, vengono organizzate sfilate militari. La parata di Parigi viene tradizionalmente trasmessa in diretta televisiva. La prossima vacanza è religiosa. Riguarda l'Assunta. In questa vacanza, i cattolici ricordano l'ascesa di Maria al cielo. Per i francesi, è spesso un'opportunità per ammirare i fuochi d'artificio nel loro luogo di vacanza poiché è un periodo estivo.

Feste e tradizioni francesi del quarto trimestre (ottobre, novembre, dicembre)

La fine dell'anno è segnata dalla celebrazione di Halloween il 31 ottobre, una festa durante la quale i bambini si travestono da personaggi terrificanti e chiedono dolci e confetteria con il dolore di essere lanciati in un cattivo incantesimo. Il giorno successivo, il 1 ° novembre, è una festa di origine religiosa. È il giorno di Ognissanti, un omaggio al defunto i cui cari fioriranno le tombe nel cimitero. La prossima vacanza è l'11 novembre, il giorno in cui si commemora la vittoria della prima guerra mondiale nel 1918. Come l'8 maggio, questa festa è nota per i suoi numerosi tributi ai soldati morti per la Francia. La fine dell'anno si avvicina rapidamente, è tempo di decorare le strade, i negozi e le case in attesa delle feste più popolari: il Natale. I bambini possono scrivere una lettera a Babbo Natale per elencare i loro desideri e gli adulti penseranno al delizioso pasto che condivideranno con la loro famiglia per la notte di San Silvestro il 24 dicembre. Il 25 dicembre, festa religiosa che celebra la nascita di Gesù, tutti i francesi disimballeranno i loro doni e probabilmente berranno un bicchiere di champagne. Avranno una settimana breve per prepararsi al capodanno festivo, il 31 dicembre, per celebrare il passaggio all'anno successivo, di solito con gli amici.

Tu stesso - tu o tu? Parliamo della familiarità e dell'indirizzo

Ti è stata detta la differenza ma non sai sempre quando usare te o te? Cerchiamo di svelare insieme i misteri del tu e del vouvoyer.

Tu e tu, tu e tu in francese, un caso unico?

Bene la risposta è no. Tipico delle lingue indoeuropee, troviamo questo caso in tutte le lingue dal latino come portoghese, spagnolo, rumeno o italiano ma anche in lingue slave come russo, ucraino e Polacco ma anche nelle lingue germaniche in norvegese e olandese, ad esempio, ma non nel mondo di lingua inglese in cui questa distinzione è scomparsa!

I principi principali

La familiarità e le formalità riguardano l'uso e la cortesia. Capirai, per non offendere nessuno, è molto importante comportarsi correttamente nella società. Che si tratti del mondo aziendale al lavoro o delle relazioni sociali al di fuori dell'ufficio, è importante sapere quale atteggiamento e quale marchio rispettare da adottare.

Prima di tutto, si dovrebbe tenere presente che questa distinzione non è sempre naturale neppure per i francesi e non è raro che una relazione tra due interlocutori attraversi una fase di "tu-tuonismo" , vale a dire un periodo in cui due persone oscillano tra il "tu" e il "tu", non avendo definito molto chiaramente la natura della relazione o averla vista evolversi.

Quindi, useremo il pronome "tu" quando interagiamo con un pari, vale a dire una persona che consideriamo uguale a noi stessi nel contesto professionale, ad esempio. Potrebbe essere un collega con cui condividiamo un ufficio. È anche il pronome che useremo nel contesto informale, quando ci viene presentato, ad esempio, a un amico di un amico.

Il pronome "tu", d'altra parte, sarà usato in un contesto formale, verso un superiore gerarchico, ad esempio un capo dipartimento o il suo capo, ma anche quando parla con un interlocutore più anziano.

Da dove la difficoltà si è incontrata quando uno è presentato ai genitori di un amico quando si è adolescenti per esempio o ai genitori di notare il coniuge quando si è adulti. Il nostro amico o il nostro coniuge tutelerà naturalmente i suoi genitori, tuttavia ci si aspetta che li vedremo. È possibile in un tempo a volte molto breve che i genitori ci invitano a visitarli, ma anche questo momento non può mai arrivare e siamo quindi tenuti a vederli anche anni dopo il nostro primo incontro.

Allo stesso modo, nel contesto professionale, un superiore potrebbe invitare i suoi subordinati a parlargli, ma questo non è automatico. Sempre più raro, capita che uno chef si avvicini ai suoi collaboratori quando sono tenuti a vederlo, ma questo quindi stabilisce un equilibrio di potere molto squilibrato.

Quindi vedi che anche per i francesi, questo lavoro rimane un gioco di pericoloso equilibrio nei rapporti sociali che si mantengono con i suoi interlocutori.

Come evitare di usarli?

Esaminiamo ora alcuni modi per evitare l'uso di tu e woo quando non sei sicuro di cosa fare. Prima di tutto, dovresti mantenere un tono neutro e quindi utilizzare un registro linguistico standard: né troppo forte né troppo familiare. Cercheremo quindi di evitare i verbi coniugati, che inevitabilmente mettono in evidenza pronomi e segni di coniugazione.

• Ciao, come stai ? / Buongiorno come stai ?
=> Ciao, come stai?

• La tua vacanza è andata bene? / Come è stata la tua vacanza?
=> Come sono state le vacanze?

• Hai passato un buon fine settimana? / Cosa hai fatto questo fine settimana?
=> È stato bello questo fine settimana?

• Cosa ne pensi? / Cosa ne pensi?
=> Un'osservazione o un suggerimento?